Ci sono volute 33 primavere, più di un quarto di secolo per fare esplodere una città..Il Napoli e Napoli è campione d’Italia, dopo i titoli conquistati nel 1987 e 1990 dell’era Maradona arriva il terzo titolo ITALIANO, dopo Bianchi e Bigon, Spalletti è il timoniere di uno squadrone super che per tutto l’arco del campionato crea un vuoto incolmabile tra le altre possibili candidate alla vittoria finale. La banda Spalletti (stagione perfetta del tecnico toscano) sin dalle prime giornate lancia l’allarme che il 2022-2023 possa essere veramente l’anno buono per vincere il tanto sospirato tricolore, 28 vittorie 6 pareggi e 4 sconfitte, 90 punti finali e 77 gol fatti e 28 subiti, un dominio non solo in campionato ma anche lezioni di calcio in Coppa dei Campioni, Meret, Di Lorenzo, Kim, Rrahmani, Olivera, Zambo Anguissa, Lobotka, Zielinski, Lozano, Osimhen, Kvaratskhelia, Gollini, Bereszynski, Mario Rui, Juan Jesus, Ostigard, Ndombelé, Demme, Gaetano, Elmas, Zerbin, Politano, Simeone, sono gli artefici della splendida calvalcata tricolore…..

La  sera del 5 maggio a Udine, l’1-1 finale basta e avanza a cinque giornate dal termine del campionato può fare iniziare la festa dei partenopei a Napoli e in tutto il Mondo…

Lascia un commento